La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

Sono stato declassato da poche ore e non mi sono ancora ripreso

“Sono un italiano che ha sempre pagato le tasse, statali e locali. Non ho votato per Berlusconi. Non percepisco alcuna pensione, anzi i contributi che verso ogni mese, servono per pagare le pensioni altrui, anche quelle d’oro. Eppure sono stato appena declassato.

Il governo in carica non rappresenta in alcun modo il mio pensiero politico e non interpreta in alcun modo il mio modello di società. La recente manovra economica lacrime & sangue si chiama così perchè è fatta dalle lacrime di gioia dei soliti ignoti pluri-condonati e scudati che anche stavolta l’hanno sfangata e dal sangue di quelli come me, che non riescono a farsi condonare neanche una multa per divieto di sosta. Eppure sono stato declassato.

Se vado all’estero, quando capiscono che sono italiano cominciano i sorrisetti e gli sfottò “Cavagliere bunga-bunga!”. Ma io non frequento escort e la cosa non mi fa neanche sorridere. Se rispondo in inglese dicendo che siamo la terza potenza economica europea, la parola POTENZA evoca solo le 8 donne su 11 che sembra siano state a letto col premier in una sola sera. Eppure sono stato declassato.

Allora chiederei sia a Standard che a Poor di informarsi meglio. Dovrebbero sapere che si può declassare solo un paese coeso, nella buone o nella cattiva sorte, ma non un paese come il nostro. Siamo divisi più o meno a metà in politica,  la minoranza ricchissima se ne frega della quasi totalità in corso di progressivo impoverimento. Anche in materia di TV siamo schierati in almeno 2 fazioni. La Lega Nord invoca la secessione per separarsi dal Centro Sud, per non parlare del Movimento per il Sud o gli autonomisti del Sud Tirolo.   Almeno moralmente, c’è una parte degli italiani che in tutti questi anni si sono ampiamente guadagnati un rating  AAA”.

Annunci

Archiviato in:Le cattive notizie, Osservazioni, , , ,

One Response

  1. Eppure nulla lo smuove e continua a commentare che i giudizi sono frutto della lettura dei giornali “rossi”… ma noi continuiamo come il colibrì a portare la nostra goccia d’acqua per spegnere l’incendio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: