La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

Milioni di italiani ostaggio di questo Parlamento. Come se ne esce (democraticamente)?

Le cose possono cambiare (per dire, i  neutrini sono andati più veloci della luce…). E’ un fatto che poco meno di 500 politici ci tengono in ostaggio. La maggioranza degli italiani (secondo alcuni  sondaggi più di 14 milioni) è ostaggio di 312 deputati e 165 senatori della maggioranza di governo:  “siamo quà per volontà popolare, ci troviamo bene, la paga è ottima, non ce andiamo fino al 2013”. A nulla servono le bocciature (con tono istituzionale, quindi mai dirette ma molto chiare) dell’Unione Europea, della BCE, dei mercati, di confindustria, della quasi totalità della stampa che conta.

Di fronte a tanta ostinazione, a tanto attaccamento all’ebbrezza del potere, e di fronte all’arroganza di sentirsi l’unica soluzione possibile ai problemi del paese,  cresce la sensazione di asfissia e di oppressione. Possibile che  meno di 500 persone, forti di un mandato che noi abbiamo dato loro, possano tenerci in ostaggio e contemporaneamente difendere con beffarda superiorità tutti i loro privilegi (addirittura i deputati avvocati hanno minacciato sfracelli se fosse passata l’abolizione dell’ordine professionale)? Possibile che non esista un modo per far emergere la crisi di rigetto che è scoppiata in Italia? Non è pensabile che un Parlamento eletto nel 2008 in condizioni completamente diverse rispetto a quelle di oggi, che ha dismostrato la propria incapacità di agire di fronte a problemi straordinari, ci condanni al malgoverno fino al 2013. Possibile che non esistano strumenti democratici per ribaltare il punto di vista? Come possiamo rendere realtà una situazione ormai evidente: altro che milioni di italiani tentuti in ostaggio, è bene che siano loro a sentirsi assediati nel loro fortino dorato.

Annunci

Archiviato in:Osservazioni, , , ,

One Response

  1. Checco76 ha detto:

    Temo che non ci sia una strada indolore per uscire dall’attuale situazione. Ho smesso di sperare nella possibilità che il governo – e tutta la maggioranza – facciano “un passo indietro”.

    Non lo possono fare, altrimenti Berlusconi non avrebbe più lo scudo contro i processi e i parlamentari nominati perderebbero i loro privilegi. La Costituzione lega le mani al Presidente della Repubblica.

    Temo ci sara’ una soluzione violenta che mi spaventa enormemente, ma che ritengo la più probabile…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: