La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

Cronache dalla crisi economica #4 – #nocondoni, #scajola, #santoro

Sono le 11, è domenica ma la crisi non fa festa.
Sulle prime questa storia dei condoni mi dava sui nervi. Però a pensarci meglio forse non è come sembra. Avevamo capito che il Premier e alcuni fedelissi miministri, capitanati da Romani, erano al lavoro per il decreto sviluppo. Al che ci si chiede  ma Cicchitto “che c’azzecca”? E  perchè costui si presenta all’opinione pubblica sdoganando i condoni edilizio e fiscale dopo che il governo aveva dichiarato guerra all’evasione, dando tra l’altro un obiettivo sfidante (13 miliardi di recupero) e poteri enormi ad Equitalia? Ma soprattutto perchè Bossi stamane lo smentisce altrettanto pubblicamente dicendo “Condoni? Non ne vedo il motivo”? O La Russa che invita a non demonizzare il condono e discuterne senza preconcetti (come se l’evazione fiscale fosse un preconcetto). Perchè ne parlano sui giornali o in tv, invece di discuterne fra loro in consiglio dei ministri? Per sapere cosa ne pensiamo? Ma no, sospetto che serva ad alzare la posta, è il solito giochino: spaventare con una duro provvedimento fantoccio per poi rifilare la vera misura spenna-polli. Gia visto.

Sono le 15, vorrei essere ottimista.
C’è aria di congiura, di vendetta, qualcosa che ricorda le Idi di marzo. La
fronda dei congiurati guidata da Scajola sembra essere una cosa seria, o meglio una cosa vera. I primi timidoni escono allo scoperto (vedi Formigoni sulla candidatura del 2013 o Pecorella sulla legge Bavaglio). Non mi faccio illusioni però stavolta il rischio c’è tutto. Certo che se le nostre speranze devono essere riposte in Scajola…

Sono le 16, guardo il messaggio di Santoro su serviziopubblico.it
C’è qualcosa che non mi convince. Io credo che il successo ed il gradimento di Santoro dipendano anche dalle sue capacità professionali, ma c’è di più. Fare uno dei suoi programmi di successo su RAI2 in piena era berlusconiana era una cosa di per sè portatrice di un messaggio: vi racconto il berlusconismo dall’interno, da una delle sue filiali. Fare lo stesso tipo di programma dall’esterno temo non avrà la stessa forza. Certo che contare i fan-finanziatori e gli spettatori quando sarà andato in onda, servirà soprattutto a lui, a misurare la bontà della sua scelta di cedere alle pressioni e lasciare la RAI. Spero di sbagliarmi.

Annunci

Archiviato in:Cronache dalla crisi economica, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: