La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

Pensioni – Il problema della piramide rovesciata non va lasciata al centrodestra

Leggo con il consueto interesse il posto di Andrea Sarubbi sul suo blog.

Apprezzo il coraggio di parlare di pensioni in una fase così delicata, e fuori dal coro  di partito, e condivido l’approccio dettato dal buon senso, anche se sulla premessa non mi trova d’accordo.

“Il fatto che sulle pensioni la politica sia intervenuta una decina di volte negli ultimi 20 anni, senza risolvere la situazione una volta per tutte, dimostra quanto sia complicata la materia”

La politica è intervenuta sull’INPS in vari modi ma nel bene e nel male gli ultimi interventi hanno messo in equilibrio il sistema pensionistico. Forse non hanno risolto il problema del debit0, ma quello del pagamento delle pensioni si. Purtroppo le pensioni sono sotto attacco ma per altri motivi  1) Il calderone INPS non viene utilizzato solo per erogare prestazioni pensionistiche  2) sebbene il sistema sia in equilibrio, per la mole di soldi che drena, viene visto come un bancomat per i contabili del centrodestra. Se non c’è chiarezza su questi 2 punti, le pensioni saranno sempre un problema.

Generazioni – Il sistema contributivo era una buona soluzione quando ancora c’erano certezze sul futuro lavorativo: con un contratto a tempo indeterminato dalla durata abbastanza certa e con un reddito a crescita lenta ma costante, una pensione dignitosa era facilmente prevedibile. Con l’avvento del lavoro precario (che tanto successo sta avendo negli ultimi anni), con contributi molto più bassi del tempo indeterminato e con versamento incerti a causa dell’incerta durata del rapporto di lavoro, il sistema contributivo produrrà una generazione di anziani poveri cui prima o poi ci si dovrà occupare. Questo tema non può essere affrontato da destra: manca la cultura dell’equità sociale, manca la visione del futuro svincolata dalla logica del pallottoliere applicata sulla base elettorare del presente,

Parità – Il tema della parità dell’età pensionabile fra uomini e donne fa parte del tema più generale dell’adeguamento all’aspettativa di vita. In generale, è in corso una gara a chi la spara più grossa sulla giusta età pensionabile. Si rischia il solito disastro, varare in fretta e furia una riforma senza pensare alle conseguenze nel medio-lungo termine, ma solo alle convenienze del momento. E’ già successo col lavoro flessibile (precario) nato per risolvere un problema alle aziende nell’immediato. Nessuno ha voluto pensare che in quanto precario il lavoro doveva essere pagato di più, nè ha voluto fare due conti su quale sarebbe stata la pensione percepita da un precario. Poi come pezza ecco spuntare le pensioni integrative con un’ulteriore gravame sul reddito già basso del precario. Ora in fretta e furia si vuole allungare l’età pensionabile, ed a chiederlo è soprattutto Confindustria. Ad allungare l’età pensionabile ci vuole un attimo e una cultura finto-liberista che purtroppo conosciamo bene. Analizzare, comprendere, scongiurare le conseguenze richiede tempo, serietà e libertà di pensiero. Costruire oggi un futuro in cui nelle aziende si aggirino ancora 70enni curvi sui pc a scrivere software o  a verniciare un’automobile, in preda ad una emergenza contabile, è un’operazione cieca disonesta, e va scongiurata.

Ben venga nel centro sinistra un dibattito coraggioso su questo tema, ascoltando come sempre tutti, dalla FIOM a Confindustria, ma senza rincorrere nè la FIOM nè Confindustria.

Annunci

Archiviato in:Osservazioni, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: