La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

Ichino il Giuslavorista – deputato PD con delega ai licenziamenti

“Le parole sono importanti!” era il monito che Nanni Moretti dispensava in “Palombella Rossa”. Ma il PD e soprattutto Ichino il Giuslavorista non lo hanno capito.

Ogni tanto cerco di capire cosa ha in mente il centrodestra e do un occhiata alla stampa privata del Premier. Da Libero apprendo che Tremonti viene messo nell’angolo (ed anche in ridicolo) poichè pur di non affidarsi a lui, il Premier si è affidato a Brunetta. Ma mi colpisce soprattutto che sui Licenziamenti mezzo PD è con Ichino“, il Giuslavorista si intende.

Allora non capisco, mi chiedo come sia possibile che nel centrosinistra si etichetti il dibattito in corso come  “Licenziamenti“. In più mezzo PD sarebbe con lui.

Allora cerco un altro parere che mi conforti, mi faccia bollare Libero come il solito giornale fazioso e maliziosi e corro sul Repubblica.it.

Appena sopra una bella foto del Giuslavorista leggo più o meno le stesse parole, e allora non solo non capisco ma mi chiedo chi gli ha conferito la delega a trattare per conto del centrosinistra parlando di Licenziamenti.

Non esiste un tema Licenziamenti, questi signori dal lavoro certo e dal futuro tranquillo, doverebbero saperlo bene. Il PD non può criticare l’incompetenza, il dilettantismo, il doppiogiochismo del centrodestra e della sua improvvida lettera e poi cadere nel dibattito sui  Licenziamenti. Ecco su cosa mi aspetterei proposte e quindi dibattito:

PRIMO: discutiamo di salario maggiorato per i contratti a termine rispetto a quelli a tempo indeterminati

SECONDO: discutiamo di salario minimo garantito (o analoghe forme di welfare) per coprire i periodi senza lavoro dei precari

TERZO: discutiamo di una nuova forma di contratto (per capirci, tipo il contratto unico proposto da Boeri ed altri), senza scadenza ma con un periodo di un paio d’anni iniziali  di massima flessibilità in uscita

Solo mettendo le cose in quest’ordine si eviterà l’effetto PAURA che fa solo tanto comodo a chi vuole approfittare del momento per creare un moderno mercato degli schiavi.

Annunci

Archiviato in:Osservazioni, , , , , , , ,

One Response

  1. Fermo restando che il problema del lavoro deve essere affrontato in maniera seria proprio per evitare lo scempio della precarietà. Il punto è che al momento non c’è nessuno che affronti i problemi dell’Italia in maniera seria. Spero tanto che davvero non ci troveremo qui tra qualche mese a commentare il default del nostro paese :((

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: