La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

Monti esibisce il trofeo del posto fisso come sconfitta della monotonia

Ahimè, come ampiamente previsto, sulla riforma del mercato del lavoro registreremo i problemi maggiori di sintonia tra la visione di Monti e la gran parte degli italiani: lavoratori dipendenti, precari, disoccupati. E poichè questa categoria corrisponde con l‘elettorato di centrosinistra, alcuni contenuti di questa discussione sembrano sempre più un tributo da pagare per chi ha accettato, suo malgrado, le liberalizzazioni. Allora partiamo dalle 2 affermazioni di ieri del presidente Monti per capire perchè la riforma del lavoro è un trofeo da mostrare all’elettorato di centrodestra.

“Che monotonia il posto fisso. I giovani si abituino a cambiare”

Dal 1997, con la famigerata riforma Treu, è finita l’epoca del posto fisso. Da allora, con i successivi interventi legislativi, la flessibilità ha preso via via la forma attuale, cioè quella del precariato. Oggi assistiamo a ragazzi che passano da un contratto a progetto ad un altro, senza soluzione di continuità, cambiando vorticosamente datore di lavoro e mansioni. Sono contenti? Aspirano ad un posto fisso? Certo, sul grado di soddisfazione influisce il fatto fondamentale che la retribuzione a di un lavoratore flessibile è generalmente molto bassa, non regolamentata, dove in assenza di crescita economica, il datore di lavoro ha il coltello dalla parte del manico. Altro fattore da tener presente è che la contribuzione INPS per il lavoro precario è più basso di quello a tempo indeterminato, inquietando sia il presente che il futuro dei lavoratori.

Il presidente Monti a quale monotonia si riferisce? E’  la mancanza di abitudine dei giovani a farne dei disoccupati? Sbagliato, perchè la dicotomia non è tra posto fisso e posto precario, ma tra lavoro dignitosamente pagato e lavoro mal pagato, tra un mutuo erogato a favore di chi ha il posto fisso e negato a chi non ce l’ha.

“L’articolo 18 in certi contesti può essere dannoso”

Sull’Articolo 18 assistiamo ad un balletto che ha assunto toni grotteschi, non consono alla serietà dei componenti del governo. Prima a colpi di fioretto: “E’ necessario riformare il mercato del lavoro e l’Articolo 18”, “Articolo 18: ne discuteremo ma non è priorità”, “L’Articolo 18 non deve essere un tabù”. Poi, finiti i colpi di fioretto, arriva l’accetta della Formero “La riforma si farà, anche senza accordo”.

Oggi, infatti, s’è tenuto un nuovo incontro tra Governo e parti sociali sull’argomento, e le conferenze stampa tenute al termine hanno rivelato i punti di convergenza (apprendistato, maggiori tutele per i precari) ma anche evidenziato che sulle questioni sostanziali è ancora in corso un partita a scacchi. A prendere apertamente posizione c’è solo la Marcegaglia che a nome di Confindustria ritiene che l’Articolo 18 vada riformato, perchè si tratta di una “anomalia solo italiana”. Premesso che giudicare una “anomalia” un articolo dal profondo significato etico è quanto meno incauto, le cose non stanno come sostiene la Marcegaglia poichè in tutta Europa esiste una legislazione che impedisce il licenziamento indiscriminato.

Ma la domanda che vorrei fare ai nemici dell’Articolo 18 sono essenzialmente due.

Ma se per le aziende con meno di 15 dipendenti l’Articolo 18 non è applicabile, e per le altre leggiamo tutti i santi giorni delle proteste dei lavoratori che vengono licenziati, il problema allora dov’è?

E ancora, in questo momento di crisi terribile, senza le certezze residue dei lavoratori tutelati dal lavoro a tempo indeterminato e dall’Articolo 18, chi avrebbe garantito quel minimo di domanda interna che consente alle aziende di tenersi a galla?

 

Annunci

Archiviato in:Le cattive notizie, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: