La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

Burlesque, Iafrate e la nipote di Mubarak. Scaraventati in un universo parallelo

Il processo Ruby. I fatti di ieri.

Silvio Berlusconi si reca al Tribunale di Milano, in occasione di una udienza del cosidetto processo Ruby, in cui è imputato per concussione e prostituzione minorile.

Ora per alcuni quotidiani, la notizia del giorno è la nuova versione che Berlusconi dà delle famose notti del bunga-bunga. Non più cene eleganti (molti vip della corte berlusconiana hanno testimoniato in tal senso) ma, di fronte alle testimonianze dettagliate in cui si raccontano spogliarelli e travestimenti, le feste in questione diventano “gare di burlesque”, commentando: “Si esercitavano, le ragazze, le donne sono per loro natura esibizioniste”.  In seguito ha parlato di atmosfera di “gioiosità, serenità e simpatia”.

A proposito, poi, della famosa notte in cui Ruby fu “scambiata” per la nipote di Mubarak, ha aggiunto che era suo “dovere fare quella telefonata in questura” perchè la ragazza gli era stata segnalata come la nipote di Mubarak.

E veniamo alla testimonianza di Giorgia Iafrate, funzionario di polizia di turno quella notte. “Fu Ruby a dirmi di non essere la nipote di Mubarak, ma che a volte si spacciava come tale” ha dichiarato Iafrate al banco dei testimoni. Secondo la teste, dunque, era chiaro fin dall’inizio che la giovane non era la nipote del presidente egiziano.   “Non ci fu nemmeno bisogno di attivare il canale diplomatico”, ha precisato.

Tutto chiaro? Ci si può fare un’idea di come andarono le cose e su cosa si basa la difesa di Berlusconi?

Nient’affatto. Lo stesso, evento, le stesse dichiarazioni, le stesse persone coinvolte sembrano improvvisamente essere state  scaraventate in un universo parallelo. Epppure parliamo di quotidiani nazionali e tutti gli autori dei pezzi sembrano giornalisti. Lascio a voi la soluzione del mistero. Tra tutti questi presunti giornalisti, chi è l’intruso?

Annunci

Archiviato in:Osservazioni, , , , , , , , ,

One Response

  1. Mauro Poggi ha detto:

    Mi viene da pensare: non è tanto il problema dell’esistenza di universi paralleli a preoccuparmi, quanto il fatto che questi universi si rassomiglino così tanto nel loro piccolo squallore. 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: