La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

L’Oscuro Signore delle Libertà è tornato…e allora dobbiamo tornare tutti

Forse fa un pò anonima alcoolisti: “Ciao, sono Mondeban e non scrivo un post da 1 mese”.  “Bravo Mondeban, sei un esempio per tutti noi”.

In effetti nel frattempo non mi sono annoiato, ho continuato ad indignarmi esattamente come prima ed ho conservato lo stesso ingenuo stupore per le tante cose lette o sentite in TV, sui giornali, al supermercato, in metropolitana.

Il fatto è che la crisi è un inesauribile argomento di conversazione, sui Social Network e sui blog, in famiglia e con gli amici: fornisce sempre spunti nuovi ed interessanti. Poi mentre ne parli, ti incazzi, o addirittura la metti sul piano dei massimi sistemi, comincia  a morderti le caviglie, ad importi qualche rinuncia, ti erode un pò di certezze sul lavoro, sul futuro. Allora piuttosto che parlarne ho dovuto occuparmene, nessun dramma per carità, ma meno tempo per “socializzare” la propria rabbia, preoccupazione, indignazione.

Poi qualcosa è cambiato: dallo scoramento nel vedere il mio Paese sgretolarsi pian piano sotto i colpi di una classe dirigente di tecnici illuminati ma banali e senza inventiva, ho avvertito il passaggio ad un futuro ancor più cupo ed inquietante. Era nell’aria, si potevano cogliere i segni di un possibile ritorno a qualcosa di sinistro e pericoloso, ma che sembrava essere ormai lontano. Pensavamo di poter farne senza, di aver dato, di aver allontanato quel pericolo, di poter ricostruire senza l’ingombrante fardello della sua presenza. Invece, “Tu sai chi” è tornato, strapazzando i giovani discepoli e ripristinando l’ordine naturale delle cose. Ebbene si, giovani ed incapaci apprendisti, l’Oscuro Signore delle Libertà è tornato

Annunci

Archiviato in:Le cattive notizie, , , , ,

One Response

  1. Mauro Poggi ha detto:

    Confesso che i tempi sono tali che la notizia l’ho metabolizzata come solo una pessima fra le tante. Fra quelli che ritornano e quelli che non vogliono andarsene il paese è stretto da una morsa horror degna della fantasia di George Romero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: