La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

“Voi siete il male, noi siamo la cura”

“Voi siete il male, noi siamo la cura” è lo striscione che i giovani del PdL, capitanati da Chiara Colosimo, esponevano nei giorni di campagna elettorale, di fronte alla sede della Regione Lazio. Di lì a poco Renata Polverini avrebbe vinto le elezioni e portato con sè in consiglio regionale i personaggi che abbiamo imparato a conoscere dalle cronache di questi giorni: Fiorito, Battistoni, Lidia Nobili ed altri,

La cura l’abbiamo vista all’opera, sinceramente peggio del male. Ma quello che mi colpisce è l’attività promozionale che si sta facendo della giovane destra, che non esita a professarsi diversa, nuova, moderna, salvo guardare e raccontare con assoluta normalità un ragazzo che fa le flessioni perche “ha sbagliato uno striscione. E chi sbaglia…paga!”. Nè è sintomo di novità farsi intervistare nella propria sede davanti all’immagine dello xenofobo Codreanu e ai suoi insegnamenti (salvo dire per giustificarsi  “sta lì da 30 anni”, ma un buon imbianchino risolverebbe). Sinceramente questa nuova destra, diversa e moderna, a me pare uguale alla vecchia, solo con una faccia più giovane. Nè confortano i messaggi che i sostenitori della nuova destra inviano ai propri leader, per carità senza incitamenti alla violenza, ma pieni di quella retorica che fa assomigliare questi ragazzi a certi ragazzi che non hanno certo fatto  il bene del nostro Paese. Mi fa sorridere quando penso che Silvio Berlusconi accusa la sinistra di essere rimasta comunista, di non essere mai cambiata, di non essere mai diventata social-democratica (nell’accezione dalemiana che tanto gli farebbe piacere). Ma questa sequenza di frasi fatte è un segnale che la destra e il suo linguaggio non stanno cambiando con le giovani generazioni:

La mia gente ha un sogno nel cuore, ma è un incubo nel cuore di chi sogni non ha…

“Tutto cio’ che si fa per amore accade sempre al di la del bene e del male”

Vado verso il popolo e sono col popolo per comunione d’intenti e di spirito.

Quando c’è una meta, anche il deserto diventa strada..

Grandi come i gabbiani, forti come le aquile.

Solo chi ama impara a sognare. Solo chi sogna impara a volare.

Una Comunita’ di uomini e donne straordinari, non sara’ una sporca penna ad infangare la meglio gioventu’

“Affinché il male avanzi basta che i buoni rinuncino all’azione”.

Annunci

Archiviato in:Le cattive notizie, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: