La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

Grazie, Franco Fiorito, per averci aperto gli occhi

Il Governo antropologicamente “Tecnico”  ha ormai messo in luce tutta la sua inadeguatezza e per questo sento il dovere di ringraziare Franco Fiorito. Rigore, sacrifici, spending review sono state le parole chiave con cui l’azione di governo ha giustificato ogni doloroso provvedimento, ma “er Batman” ha reso un servizio al Paese.

In nome di queste parole chiave abbiamo assistito ad una durissima Riforma delle Pensioni, dopo che negli ultimi anni ci era stato detto che il sistema pensionistico italiano era finalmente in equilibrio, anzi un modello invidiato in mezza Europa. Al punto che l’INPS è diventata super INPS accorpando enti pensionistici di categoria, che hanno conferito ad ad un “sistema in equilibrio” i propri miliardi di debiti.

In nome di queste parole chiave abbiamo visto materializzarsi sotto i nostri pigri occhi la riforma del Mercato del Lavoro, che doveva invertire la rotta del precariato dilagante a favore di prospettive di lavoro stabile, che doveva invogliare le aziende ad assumere forti della libertà di licenziare. Invece il mercato del lavoro reagisce da par suo, con un rigetto  nei confronti degli ultra 35enni e rimpiazzo con giovani a cui fare contratti di apprendistato, per mungere quello che si può.

In nome di queste parole chiave oggi assistiamo alla potenza della Legge di Stabilità (che altro non è che la Manovra Finaziaria, solo che  Manovra rende bene l’idea di uno che ti mette le mani addosso e fruga, mentre Stabilità è tanto più rassicurante). Grande pubblicità ad abbassamento dell’IRPEF sugli scaglioni più bassi, grande eco ad aumento dell’IVA di 1 punto invece di 2. Salvo poi scoprire che sopra i 15.000 si è ritenuti talmente agiati da poter sopportare ulteriori sacrifici, introducendo franchigie e tagli alle deduzioni e detrazioni che davano un minimo di sollievo al momento di quantificare le tasse da pagare.

E allora io sento il dovere di ringraziare Franco Fiorito per il servizio reso al Paese.

Senza di lui non avremmo scoperto che mentre il Governo Monti, sorretto forzatamente da PD, UDC e PDL ed Unione Europea, ha drasticamente (e tecnicamente) ridotto diritti, possibilità d’impresa, potere d’acquisto e stato sociale, c’era un mondo che continuava a vivere di rendita alle nostre sacrificabilissime spalle.

Mentre la commissione Mastrapasqua tentava inutilmente di capire quanto guadagnano i nostri parlamentari rispetto ai colleghi europei, mentre Giarda prima e Bondi poi, snocciolavano cifre miliardarie virtuali da risparmiare che si traducono puntualmente in tagli ai servizi essenziali, i consigli regionali potevano liberamente disporre di milioni di euro da spendere spesso senza necessità di giustificativi.

Mentre decine di imprenditori, strangolati dall’indifferenza di uno Stato debitore consapevole ed inadempiente, morivano come mosche, solo apparentemente di suicidio, i consiglieri regionali del Lazio spendevano liberamente i soldi pubblici in ristoranti, sagre, finte feste a scopo politico, contributi elargiti ad amici degli amici.

Senza i vari Lusi, Fiorito, Vincenzo Mariuccio, che i soldi pubblici li hanno spostati sui propri conti personali per acquistare case, SUV, ristrutturare ville, consumare ostriche e champagne,  non avremmo assistito allo spettacolo indegno dei Presidenti di Regione che, in piazza fino a poche settimane prima per gli “insopportabili tagli alla spesa sociale”, si sono frettolosamente riuniti ed hanno spontaneamente proposto di ridurre fondi e seggi nei Consigli Regionali che sembravano invece stremati.

Come me sapete benissimo che la realtà che, Fiorito & co hanno contribuito a svelare, è solo una parte di ciò che sta ancora avvenendo alle nostre stanchissime spalle. Ma lo Stato ha bisogno di soldi, maledetti e subito, per cui toccherà ancora a noi mandare avanti la baracca, perchè commissioni e Spending Review richiedono tempo. Intanto, il paese del conti da pagare, dei libri scolastici da acquistare, delle imprese da mandare faticosamente avanti, lentamente muore.

Annunci

Archiviato in:Le cattive notizie, , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: