La Monarchia delle Banane

"Il pubblico è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente". S.B.

Tre PD al prezzo di (quasi) uno

3monkpdC’è un Partito Democratico che in nome di un non ben precisato “bene del Paese” sta raschiando insieme all’alleato PdL  il fondo del barile per eliminare l’IMU, sontentamento fondamentale per tenere in vita quel pò di asili nido. trasporti, servizi per gli anziani, che i Comuni italiani ancora riescono a garantire. Ma potrebbe essere peggio di così. Mentre mancano i fondi per la Cassa Integrazione, non c’è un centesimo di margine per ridurre anche di poco le tasse sul lavoro, potremmo dover fronteggiare la restituzione dell’IMU già pagata, cosa su cui l’alleato Silvio Berlusconi si è fortemente impegnato in campagna elettorale. E’ il PD orgoglioso e tronfio dei Boccia, degli Speranza, dei Franceschini, forza di governo senza pudore e memoria.

C’è un Partito Democratico che si vergogna, che non si rassegna, che va in giro sperando sotto sotto di non essere notato, armato solo di un briciolo di coerenza residua. E’ il PD di Emiliano, di Civati, di Laura Puppato, della Serracchiani, che guarda a Stefano Rodotà con ammirazione e speranza, che ancora soffre per aver massacrato l’unica figura residua davvero di prestigio nel partito, Romano Prodi.

C’è un Partito Democratico che sul territorio recita magnificamente la parte di sè stesso. Un copione ormai rodato, che va in scena ad esempio a Roma, dove Ignazio Marino è fortemente impegnato a battere l’alleato di governo Alemanno. Solito rituale: sciorinare quotidianamente le colpe di Alemanno, viaggiare infaticabilmente per i quartieri più disagiati promettendo cose che non vedremo mai, e un bel pò di orgoglio democratico che quello non guasta mai.

Sono certo che il Congresso si fara il più tardi possibile, perchè più a lungo queste 3 anime continueranno a coesistere, più a lungo resterà tutto inevitabilmente fermo. E allora ne beneficerà chi si ritrova la moglie Ministro dell’Agricoltura, chi lascia il lavoro sporco ad altri in vista di una futura certa candidatura a premier alle prossime elezioni, chi ha finalmente regolato i conti con Bersani, chi sotto sotto non vedeva l’ora di stringersi nell’abbraccio mortale con il Popolo delle Libertà. Cosa possono, di fronte a questa tempesta perfetta, Civati, Emiliano, Barca e gli altri non è ben chiaro, soprattutto perchè Renzi si comporta ormai da segretario in pectore e non mollerà la presa sul partito ora che è ben salda. Ma nell’attesa ci tocca assistere tristemente a tre versioni del Partito Democratico che insieme non ci restituiscono neanche l’ombra di un partito dignitoso.

Annunci

Archiviato in:Le cattive notizie, , , , , , , , , , , , , , ,

2 Responses

  1. Mauro Poggi ha detto:

    Ricomincerò a seguire i travagli del PD quando vedrò al suo interno una figura di spessore culturale e politico tale da farmi sperare che possa metter fine al devastante marasma identitario di questo partito.
    Finora vedo solo mediocri comprimari il cui sussiego e pari solo alla loro inadeguatezza.
    Quelli che potrebbero farmi sperare (Barca, Serracchiani…) si rivelano poi alla prova dei fatti (in?)consapevolmente omologhi e fautori di questo sistema (il sistema europeo), la cui matrice neo-liberista e anti-sociale, oltreché anti-democratica, è dichiarata nei trattati che lo regolano.
    Trovi un esempio raggelante di quanta poca idealità di sinistra rimanga, proprio a livello culturale, al link qui sotto, in cui si commentano gli interventi di Cofferati e di Luttwack a un talk show. L’effetto straniante è totale; diresti che dei due è Luttwack i vecchio sindacalista che grazie all’esperienza e il buon senso sa andare al nocciolo del problema, ed è l’altro il cattedratico ideologizzato che descrive la realtà secondo astrazioni reazionarie.

    http://ilblogdilameduck.blogspot.it/2013/05/tutti-da-luttwak-il-sabato-sera.html?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed:+blogspot/LNHt+(L'Orizzonte+degli+Eventi)

    Nessuno, fra i dirigenti PD, sembra rendersi conto dello scempio che han fatto delle nostre idealità, e tremo al pensiero che con una compagine di governo come quella che hanno imbastito si apprestino a metter mano alla nostra Costituzione.

    Credo che la base rimasta dovrebbe elaborare il lutto, una buona volta, e prendere atto di non essere più rappresentata, così come hanno fatto i 3,5 milioni che alle ultime elezioni hanno deciso di non votare più quel partito.

    Scusa il lungo sfogo. In questo periodo provo una tale amarezza che non riesco nemmeno più a scrivere sul mio blog.

    • mondeban ha detto:

      Mauro, altro che scusarti per il lungo sfogo. Almeno ci sfoghiamo così, scrivendo, confrontandoci, immaginando soluzioni di buon senso che non verranno adottate mai… Altrimenti è davvero dilaniante la sensazione che in tanti stiamo provando in questo periodo che smetteresti anche di parlare. E’ naturalmente, chiunque abbia figli deve anche spargere ottimismo per non deprimere anche chi ha una vita intera davanti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: